Proposta
Settembre 2018

 

UN BUSINESS A PORTATA DI NATURA

Come abbiamo visto nei precedenti articoli la birra artigianale in Italia e nel mondo sta conquistando via via sempre più mercato. La cura che i birrifici hanno dimostrato per la selezione delle materie prime è stata una delle ragioni fondamentali di tanto successo e nel caso della Company Texana Blue Owl Brewery questo ha portato anche a un’attenzione speciale al territorio e alla conservazione dell’ambiente naturale.

Accortasi del rischio di estinzione a cui stavano andando incontro i passeri del Golden-cheeked la compagnia ha deciso di fare una scelta coraggiosa: investire per dare il via alla produzione di una nuova birra allo scopo di salvaguardare l’habitat naturale di questa specie di uccelli.  
Questo passero, che prende il nome dalle guance di colore giallo intenso, si riproduce esclusivamente in una piccola area del Texas situata sul lato orientale e meridionale dell’altopiano di Edwards. Il problema è che le querce sulle quali nidifica, così come le piante di ginepro che utilizza per costruire il nido, sono diminuite nel corso degli anni a causa di un’intensa attività di disboscamento, portata avanti per consentire la costruzione di case, fattorie, serbatoi idrici e quant’altro.

Dopo aver preso coscienza del problema, i proprietari di Blue Owl Brewery hanno stretto un accordo con la Travis Audubon Society, realtà impegnata dal 1952 nella protezione degli animali selvatici. Hanno così deciso di unire le loro competenze tecniche per ideare una nuova birra chiamata, in difesa sei passeri, Golden-cheeked Wild Barrel; la sfida era creare un prodotto che da una parte rendesse la clientela più consapevole del problema e dall’altra risultasse piacevole al palato. Inoltre il progetto prevedeva anche l’utilizzo di una ricetta studiata in modo tale da ricordare l’habitat dei passeri.

È qui che sono entrate in gioco le competenze di Davy Pasternak, mastro birraio di Blue Owl Brewery specializzato nella produzione di birre acide artigianali. Ha prodotto la Golden-cheeked Wild Barrel facendola fermentare in botti di quercia e aggiungendo l’uva di un vitigno che cresce nella Texas Hill Country, cuore della regione in cui nidificano i passeri a rischio d’estinzione. Il risultato è una birra con sentori di legno per via delle botti, e di tannino dovuti all’uva. Per dirla con le parole di Pasternak “una birra che ricorda un vino rosé” fresca e piacevole al palato con sentori e profumi inaspettati.

Oggi questa birra è divenuta una pietra miliare dell’azienda che la commercializza in tutto il paese. Uno splendido esempio di come il business “consapevole” e le competenze tecniche abbiano portato a un prodotto innovativo nel mercato e nello stesso tempo abbiano salvato una specie animale dall’estinzione. Infatti una parte del ricavato delle vendite finanzia costantemente le attività della Travis Audubon Society e permette ogni giorno a centinaia di uccelli di poter sopravvivere.