Proposta
Settembre 2017

 

IL VINO IN EDIZIONE LIMITATA

Lanzarote è un isola vulcanica, frutto di un eruzione che nel 1730 spazzò via tutto ciò che esisteva e creò quel paesaggio lunare per il quale è famosa. Ancora oggi, il Parco Nazionale del Timanfaya testimonia quell’evento devastante.

Eppure in questa zona arida, con poche piogge, un clima semi-desertico ed esposta a forti venti, vengono prodotti vini di eccellenza riconosciuti a livello mondiale. In questa piccola isola ogni singola bottiglia di vino è un’impresa e serve così tanta devozione e sacrificio che i viticoltori vengono soprannominati Jardineros (giardinieri).

Per ovviare alle difficili condizioni climatiche i vitigni vengono piantati nel terreno nero in una sorta di pozzo sommerso di circa 3 metri di profondità e 5 di larghezza e protetti da semicerchi di roccia chiamati “zoco”. Una volta piantati i vitigni vengono coperti di pietra lavica, la pietra Picon, che dona al vino un profumo e un sapore unico.

E’ in questo modo che la Malvasia, il vitigno autoctono dell’isola, sopravvive e da vita a vini che ben sanno raccontare l’asprezza del territorio. Le due essenzialità convivono eccezionalmente nella stessa bottiglia: da una parte un mix di frutta, fiore ed erbaceo, dall’altra una mineralità vulcanica esasperante, quasi fumè, mitigata solo dal profumo gentile e intenso di pera, melone e fico maturo. Infine una struttura leggera, fresca e sapida.

Impensabile che la Malvasia di Lanzarote possa arrivare facilmente sulle nostre tavole ma rimane sicuramente un vino straordinario da assagiare una volta nella vita! Una rarità di vino prodotto in edizione limitata.